FOTO Incendi: vertice in prefettura a Foggia

Incendi: vertice in prefettura a Foggia

FOGGIA, 03/08/2017 10:11

Prosecuzione delle attività di pattugliamento e avvistamento, costante collegamento tra la sala operativa regionale e i sindaci dei comuni i cui territori in ragione delle aree boscate sono più interessati dal fenomeno, la verifica periodica delle iniziative messe in campo. E’ quanto deciso nel corso di vertice in prefettura a Foggia finalizzato al monitoraggio  dell’efficacia delle azioni di avvistamento, spegnimento e bonifica degli incendi e di tutela della incolumità pubblica, che, di recente, hanno interessato in maniera diffuso il territorio della provincia di Foggia, nonché per un aggiornamento dell’analisi della situazione attuale degli incendi, propedeutica ad una verifica congiunta del sistema degli interventi ritenuti necessari e urgenti. All’incontro hanno partecipato il dirigente e i funzionari della sezione di Protezione Civile della Regione Puglia insieme ai vertici dei comandi provinciali dei carabinieri e dei vigili del fuoco, del gruppo forestali e dell’Arif, l’azienda regionale attività irrigue e forestali La riunione è successiva all’attivazione del Centro Coordinamento Soccorsi disposta tempestivamente dal Prefetto lo scorso 25 luglio in occasione dei vasti e pericolosi incendi che si sono verificati sul Gargano, tra Vieste e Peschici. Nel corso dell’incontro sono state individuate e definite le varie fasi di intervento con il coinvolgimento di tutte le componenti tecniche e professionali e del volontariato, nonché condivise le procedure per rendere ancora più efficace e tempestivo il pronto intervento di uomini e mezzi, mediante il coordinamento dei diversi soggetti istituzionali. Il prefetto Maria Tirone ha rivolto reiterati inviti agli enti gestori delle strade e ai sindaci perché, oltre al costante aggiornamento dei piani comunali di protezione civile, dispongano, nell’ambito delle rispettive competenze, mirati interventi per la rimozione delle sterpaglie e il monitoraggio delle aree percorse dal  fuoco, sensibilizzando la collettività sul rispetto del patrimonio ambientale, anche con mirate campagne di informazione

Redazione

ALTRE DI CRONACA