FOTO Lavoro nero: blitz della polizia nelle campagne foggiane

Lavoro nero: blitz della polizia nelle campagne foggiane

FOGGIA, 05/07/2017 10:36

Duecentotrentacinque persone identificate  e 26 aziende controllate. E’ l’esito della prima parte dell’operazione “Freedom” messa a segno dalla polizia contro il caporalato in diverse zone di Italia tra cui anche a Foggia. Il blitz è stato messo a segno sotto il coordinamento del Servizio Centrale Operativo della Direzione centrale Anticrimine  con l'ausilio degli uomini dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro nelle zone del territorio italiano a grande vocazione agricola. Nel corso dei controlli finalizzati a contrastare il lavoro nero e lo sfruttamento nelle campagne gli investigatori hanno identificato 235 persone (tra datori di lavoro e dipendenti) e controllato 26 aziende. In provincia di Foggia i controlli hanno interessato 6 aziende operanti nel  Tavoliere: in una, in particolare, la polizia ha trovato  due lavoratori – uno della Costa d’Avorio e uno del Bali - in nero, entrambi privi del permesso di soggiorno. Per l'azienda in questione sono scattate sanzioni amministrative. Ad un’altra azienda foggiana è stato notificato un provvedimento di sospensione di una attività agricola per inosservanza delle normative sul lavoro. Ventotto lavoratori sono stati accompagnati in questura e ascoltati dagli agenti anche se dai loro racconti non sarebbero emerse, al momento, situazioni o condizioni di schiavitù o sfruttamento sul lavoro. Le attività dell'operazione Freedom, fanno sapere dalla Polizia, proseguiranno per tutta l'estate, interessando le zone in cui è storicamente radicato il fenomeno del caporalato, con forme di sfruttamento del lavoro al limite della schiavitù.

Luca Pernice

ALTRE DI CRONACA