Oltre l'orizzonte, dal 23 giugno la mostra di Assunta Cassa

FOGGIA, 15/06/2017 11:41

E’ programmata per venerdì 23 giugno alle ore 18 la cerimonia d’apertura della mostra personale della pittrice Assunta Cassa che si terrà presso il Palazzetto dell’Arte “Andrea Pazienza” sino all’8 Luglio. La mostra dal titolo “Oltre l’orizzonte” gode del patrocinio del Comune di Foggia, Assessorato alla Cultura e Sistema Museale Civico, e del Club per l’Unesco della città capoluogo. L’opening al pubblico dell’esposizione sarà preceduta da una conferenza a cui prenderanno parte Franco Landella, Sindaco di Foggia, Anna Paola Giuliani, Assessore alla Cultura del Comune di Foggia, Luigi Miranda, Presidente del Consiglio Comunale, Gloria Fazia, Direttrice del Sistema Museale Civico, Floredana Arnò, Presidente Club per l’Unesco Foggia, e Paolo Agostinacchio, già Sindaco di Foggia.
Al filosofo e critico d’arte Giuseppe Marrone è affidata la presentazione critica dell’evento. L’allestimento propone 35 opere dell’artista, pugliese di nascita e marchigiana d’adozione, divise per sezioni che identificano i riferimenti iconografici della sua ricerca pittorica: la sezione Libertà, dominata dal color indaco, la sezione arancione Io ti vedo, Non solo tango è la sezione dominata dal colore rosso, e infine la sezione Le cassette, caratterizzata dalla predominanza del colore blu. Nella mostra sarà esposta l’opera “Metaphors. Alphonso Johnson” realizzata su commissione per la copertina del nuovo disco del musicista statunitense Alphonso Johnson, il quale per l’occasione invierà un suo brano inedito che farà da colonna sonora dell’evento.
L’esposizione è accompagnata da un ricco catalogo monografico a cura di Giuseppe Bacci con saggi di Giuseppe Marrone, Anna Soricaro, Rossella Frollà e lo stesso Giuseppe Bacci; il prezioso volume con testo italiano e inglese è corredato di fotografie a colori di tutte le opere esposte, realizzate da Emanuele Santori.
La mostra osserverà i seguenti orari: dal martedì al sabato dalle 9 alle 13 e dalle 17 alle 20. L’ingresso è libero.

Redazione

ALTRE DI CULTURA