FOTO Il MiBACT sostiene il progetto foggiano Giove a Pompei

Il MiBACT sostiene il progetto foggiano Giove a Pompei

FOGGIA, 27/05/2017 09:36

Il Ministro Franceschini ha comunicato ufficialmente ieri, alla Direzione Generale Spettacolo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali che intende sostenere, con un finanziamento di 40mila euro, il progetto di valorizzazione dell’operetta “Giove a Pompei” di Umberto Giordano ideato dal Comune di Foggia in collaborazione con il Conservatorio “Umberto Giordano”, l’Accademia di Belle Arti, l’Università di Foggia e le Fondazioni dei Monti Uniti e “Apulia Felix” di Foggia.
Per consentire l’erogazione del finanziamento il Teatro “Giordano” dovrà, ora, inviare alla Direzione Generale il programma artistico con indicazione del periodo di attività ed il preventivo economico, rimodulato sulla base della somma indicata.

"Voglio esprimere a nome della comunità foggiana e mio personale –dice il sindaco di Foggia Franco Landella- i ringraziamenti più sentiti al Ministro per aver appoggiato il nostro progetto di celebrazioni del 150enario della nascita di Umberto Giordano, che sono culminate proprio nella messa in scena, dopo quasi un secolo, della deliziosa operetta del Maestro. Un riconoscimento implicito dell’alta qualità delle scelte culturali ed artistiche operate dall’Amministrazione. La nostra riconoscenza va anche al prof. Giuliano Volpe, che si è reso parte attiva, presso il Mibact e presso lo stesso Ministro, per ottenere il patrocinio e il supporto economico al ciclo di eventi di omaggio a Giordano. Così come ringraziamo le istituzioni che ci sono a fianco per la realizzazione degli eventi e gli artisti del territorio che mettono a disposizione le loro professionalità per il massimo successo delle iniziative che non finiscono qui. Presto ci saranno altre importanti novità".

"Giordano è tornato nel “suo” teatro –aggiunge Anna Paola Giuliani, assessore comunale alla Cultura-. Era l’obiettivo che, con il Sindaco, ci eravamo prefissi da tempo e l’occasione è, finalmente, giunta con l’anniversario giordaniano. Non è stato facile, perché occorrono impegno, energie e tante competenze per non scadere in celebrazioni di circostanza e produzioni di mediocre qualità. L’egida ministeriale conferma la bontà delle scelte operate e ci spinge a proseguire il cammino per dare continuità agli omaggi della città al grande compositore foggiano".

Redazione

ALTRE DI CULTURA