FOTO Dichiarazioni segretario confederale Usppi: interviene Piazzolla

Dichiarazioni segretario confederale Usppi: interviene Piazzolla

FOGGIA, 25/05/2017 10:24

Il Direttore Generale della ASL Foggia Vito Piazzolla chiarisce su quanto dichiarato dal segretario confederale Usppi.
“Numerosi organi di informazione hanno ripreso, in queste ore - commenta Piazzolla- le dichiarazioni del segretario confederale Usppi secondo cui, in buona sostanza, avrei agevolato la singolare assunzione di una infermiera attraverso una procedura anomala e, per questa assunzione, avrei addirittura immaginato una retribuzione di ben € 95.000,00, fuori da ogni ragionevole misura. In particolare, quest’ultimo aspetto ha, più di tutto, destato, comprensibilmente, un quasi unanime disappunto che i numerosi social hanno raccolto e testimoniato: un vero e proprio spreco di denaro pubblico e per di più in forme sospette e probabilmente illecite. La delibera, in effetti, contiene un involontario elemento di confusione che, però, e in maniera singolare, non ha risparmiato neppure lo stesso segretario confederale Usppi, esperto di cose amministrative e dunque in grado di comprendere il passaggio nei termini in cui esso deve essere correttamente inteso: e cioè come riferimento contabile ad una spesa media stabilita dalla Regione Puglia nei costi standard per la valorizzazione delle dotazioni organiche. In altre parole, l’indicazione contabile si limita a citare una voce media di spesa, mentre nel caso specifico la retribuzione della lavoratrice assunta ammonta – come è agevole constatare nel link https://www.sanita.puglia.it/web/asl-foggia/dirigenti-dirigenti-non-generali- che contiene le voci stipendiali dei Dirigenti della ASL FG– ad euro 44.500,00 lorde, in assoluta sintonia con analoghe retribuzioni di pari livello. Nessuno spreco dunque e nessuna peculiarità contabile e amministrativa. La dott.ssa De Gennaro, infatti, è stata assunta dalla ASL Foggia a seguito di scorrimento di una graduatoria di concorso relativa al ruolo di Dirigente delle Professioni Infermieristiche ed Ostetriche con incarico di tipologia D (incarico di base). Tale procedura -conclude il Direttore Generale Asl Foggia- affatto singolare e in linea con ragioni di economia e speditezza amministrativa, riflette una politica aziendale condivisa e conosciuta, immune fino ad ora da qualsiasi censura e polemica, attuata oggi, a distanza di quasi due anni, in forme e modi che questa Azienda considera del tutto non condivisibili”.

Redazione

ALTRE DI SANITÀ