FOTO "Ortocircuito", lavorare la terra per curare il disagio psichico

"Ortocircuito", lavorare la terra per curare il disagio psichico

FOGGIA, 10/03/2017 12:17

Combattere l’isolamento e l’emarginazione delle persone in difficoltà con l’orto terapia. Si chiama Ortocircuito il progetto finanziato dalla Prefettura di Foggia che si svolgerà nella Masseria Antonia De Vargas e che vede in prima linea l’Associazione “Comunità sulla strada” di Emmaus, la Cooperativa sociale Emmaus, l’Associazione Famiglie di Disagiati Psichici (NOOS) e la Fondazione Siniscalco Ceci-Emmaus Onlus.

Si tratta di  un’idea innovativa e dai risvolti sociali all’avanguardia anche sul piano nazionale, di fatto cominciata lo scorso 10 febbraio e valida per tutto il 2017, presentata questa mattina negli spazi della Masseria, in via Manfredonia km 2,1, Foggia . Orto-terapia, pet therapy in fattoria, laboratori artistici e laboratori di cucina. Sono solo alcune delle attività promosse dal progetto e concentrate in tre giorni settimanali di lavoro. Un’iniziativa importante che coinvolge ben 60 persone affette da disagio psichico, senza escludere dal sostegno anche le reti famigliari, coinvolte attraverso un capillare servizio di tutoring a domicilio volto a eliminare ogni forma di isolamento: “Il servizio si propone di incontrare a casa il soggetto in difficoltà – spiega il coordinatore, Giuseppe Papa – e di coinvolgerlo in prima persona, portandolo a frequentare le attività previste in Masseria”.

Migliorare il benessere dei disagiati psichici, le loro condizioni di socialità e interazione, potenziandone le abilità e integrandole in un sistema socio-lavorativo fino ad un vero e proprio reinserimento anche attraverso una borsa-lavoro: questi gli obiettivi principali di Ortocircuito che mira soprattutto dare vita ad una rete sociale concreta a sostegno delle persone in difficoltà e delle loro famiglie. Un progetto all’avanguardia che si avvale anche di un servizio navetta da e per la Masseria, comprendendo anche la mensa e qualsiasi forma di aiuto e sostegno psico-socio-educativo individuale e di gruppo.

Redazione

ALTRE DI CITTÀ