Leggo QuINDI Sono premia Stefano Amato e si prepara alla prossima edizione

FOGGIA, 27/10/2016 09:31

Al teatro U.Giordano di Foggia si è tenuta la premiazione del progetto-concorso 'Le giovani parole', organizzato e lanciato dall’associazione di volontariato culturale Leggo QuINDI Sono. Lo scrittore Stefano Amato, con il romanzo 'Bastaddi', è stato il più votato dagli studenti-giurati. “Un lavoro clamoroso”, come ha sottolineato lo stesso Marco Zapparoli, direttore della casa editrice Marcos y Marcos, premiato anch’egli, insieme con lo scrittore. Stefano Amato emozionato al momento della premiazione ha dichiarato: "Una giornata così me la sognavo da bambino, dico solo una cosa: viva i libri!". Questo evento ha anche inaugurato la nuova stagione di letture interamente rivolte ai cinque istituti che, per ora, hanno aderito a “Leggo QuINDI Sono – Le giovani parole 2016/2017”. 
Tra il pubblico presenti anche i nuovi studenti che hanno aderito a questa edizione 2016/17 del concorso-progetto, appartenenti agli istituti “E. Masi – P. Giannone” di Foggia, “Giordani” di Monte Sant’Angelo e “Maria Immacolata” di San Giovanni Rotondo. A dare il battesimo pubblico alla manifestazione, l’assessore alla Pubblica Istruzione, Claudia Lioia, che ha rimarcato il proprio impegno nel diffondere sempre più il progetto nelle scuole di Capitanata, e l’assessore alla Cultura Anna Paola Giuliani, la quale ha invece sottolineato il valore della lettura nei riguardi delle nuove generazioni e l’importante contributo dato dalla casa editrice Marcos y Marcos, “meritevole di aver scommesso su un giovane scrittore in un momento così delicato per il settore”.
A fare da collante tra scuole, autori e case editrici, la libreria Ubik, rappresentata dal libraio Salvatore D’Alessio che, insieme con alcuni studenti, ha presentato la nuova cinquina del premio “Leggo QuINDI Sono – Le giovani parole 2016/2017”. “Una rosa di titoli attualissima con tanti temi sul tavolo ad ispirare i ragazzi – ha detto il libraio della Ubik – da quello ambientale sino ai legami famigliari e d’amicizia, senza dimenticare l’amore e la storia italiana, attraversando più generi letterari e più stili di scrittura”. Questi, infine, i cinque nuovi titoli scelti dall’associazione LQS fra una rosa di dodici, tutti pubblicati da piccole e medie case editrici indipendenti: Londra per famiglie di Mila Venturini, edito da Nottetempo; Le streghe di Lenzavacche di Simona Lo Iacono, edito da E/O; Una spiaggia troppo bianca di Stefania Divertito, edito da NN Edizioni; L’amore come le meduse di Roberto Delogu, edito da Hacca; Io e Henry di Giuliano Pesce, edito da Marcos y Marcos. 

 

Redazione

ALTRE DI CULTURA