FOTO A Castelluccio dei Sauri lo spettacolo in vernacolo

A Castelluccio dei Sauri lo spettacolo in vernacolo

CASTELLUCCIO DEI SAURI, 03/02/2017 12:44

A Castelluccio dei sauri un gruppo di nostalgici e temerari ragazzi riporta in auge il teatro in vernacolo. La compagnia teatrale Paese mio, seguendo la via maestra tracciata dal compianto regista e compositore teatrale Tonino Corlito, propone una nuova commedia dialettale in tre atti di puro divertimento.
Lo spettacolo “Crist i fec e u diavl l’accocchj”, ambientato negli anni 70, racconta la “fuitina” di due giovani innamorati che arreca vergogna e disonore alla famiglia Cacace, che abita in un piccolo paesino soggetto a chiacchiere e pettegolezzi. Le famiglie dei giovani, aiutate dal parroco del paese, riusciranno a trovare la soluzione migliore per rimediare a quella che per il tempo era una grande onta. Simpatica e irriverente, porta una sferzata di allegria la presenza dei due anziani della famiglia Cacace.
Tra gli attori ritroviamo celebri nomi della compagnia quali Pompeo Libertazzi, Antonio Santolupo, Luigi Villanova, Carmela Visconti, Vittoria Ciotti e Ilenia Corlito. Tra i più giovani calcano la scena Vincenzo Volpe, Vincenzo De flumeri, Valentina schiavone, Andrea rauseo e Luigi Di Biase.

La commedia sarà messa in scena Sabato 4 e Domenica 5 Febbraio presso la Sala Azzurra di Castelluccio dei Sauri. Il regista Rocco Corlito aprirà il sipario alle 21:00.

Redazione

ALTRE DI SPETTACOLO